aCasaMai | Racconti, Viaggio in Birmania | Sara

Decimo giorno in Myanmar: alle “caverne dello sciamano” a Monywa!

Raggiungeremo Monywa dove vedremo enormi statue di Buddha, la pagoda Thanboddhay con oltre 500.000 statue di Buddha ed infine sotto un acquazzone visiteremo le “cave dello sciamano” mentre veniamo seguiti da scimmie giocherellone in cerca continua di cibo!

 

E’ arrivato il momento di lasciare anche la città di Mandalay alla volta di Monywa!

Oggi ci avvolge un po’ di malinconia… ci rendiamo conto che tra pochi giorni la nostra stupenda vacanza finirà.

Partiamo verso le 9:00: Monywa si trova a circa 130 km a nord ovest di Mandalay; ci mettiamo circa 2 ore e 30 minuti per percorrere quei chilometri, molto traffico lo troviamo soprattutto per uscire dalla caotica Mandalay.

La prima visita è dedicata al sito chiamato Maha Bodhi Tahtaung, importante sito religioso: vediamo la zona dove sono stati piantati tantissimi alberi di Bo, ficus religiosa, dove secondo le credenze buddhiste, sotto questo tipo di albero Buddha raggiunse l’illuminazione. In una parte di questo posto, sotto alcuni alberi sono state poste delle statue raffigurante Buddha in meditazione. Una distesa immensa di statue (circa 1000) con i loro alberi.

Ma la sorpresa non è finita qui… poco più avanti davanti a noi una altissima statua raffigurante Buddha e una distesa! 
Scendiamo dalla macchina per scattare una bella foto e, risalendo in macchina, due minuti dopo arriviamo ai piedi di Lay Kyun Sakkya, così chiamata la statua del Buddha in piedi: la sua costruzione iniziò nel 1995 per terminare poi nel 2008; alta 129 metri (compreso il piedistallo), ritenuta la seconda statua più alta al Mondo, ha 31 piani e grazie a questi 31 piani qui è anche stata l’unica volta che io ed il mio compagno avremmo voluto avere la guida solo ed esclusivamente per il fatto che forse, e dico forse, ci avrebbe avvisato che fare tutti i piani a piedi non ci avrebbe portato ad una stupenda vista dall’alto come noi pensavamo, bensì ad un piccolo luogo di preghiera senza finestre e senza vista!!!

Così incominciamo la nostra “scalata” assieme ai credenti…ora non ricordo quanto ci abbiamo messo a fare i 31 piani, ricordo solo lo stupore di non trovare la vista dall’alto.
A quel punto ci sediamo di fronte alla statua di Buddha che troviamo quassù e poco dopo incomincia la nostra discesa, ridendo a più bassa voce che possiamo e facendo ridere anche dei credenti a cui abbiamo spiegato il perchè ci trovavamo così in alto!

Arrivati ai piedi della statua, ci dirigiamo subito in un baracchino a bere… una sete pazzesca! Nel frattempo ci viene incontro il nostro autista e ci chiede se siamo stati fin sopra e cosa c’è sopra…neanche lui, credente, è mai stato lassù!!! =) E piovono altre risate =).

Raggiungiamo e vediamo solo da fuori la statua del Buddha disteso lunga 101 metri e la pagoda Aung Sakkya Pagoda una riproduzione della Shwedagon pagoda di Yangon. In lontananza notiamo che stanno costruendo un Buddha seduto.

Poco dopo arriviamo di fronte a Thanboddhay Pagoda, da fuori è molto pittoresca ma è dentro la vera sorpresa: ben oltre 500.000 statue raffigurante Buddha, di diverse dimensioni, per l’esattezza sono 582.363 ad oggi!!! Una cosa incredibile!!! Rimango a bocca aperta, tanto che dopo un po’ smetto di fotografare e mi godo appieno tutto questo splendore: intere pareti dove ogni centimetro è coperto da statue, statue e ancora statue di Buddha!!!

                                      

Dopo circa 20 km arriviamo nel cuore della città di Monywa, raggiungiamo l’hotel, un bellissimo hotel, il Win Unity Resort, dove ci viene assegnato un bungalow enorme tutto in legno, molto bello, spazioso e ben tenuto.
Doccia, spuntino fatto di sandwich e riposino… i 31 piani, ma soprattutto l’afa ci hanno sfiniti!

Alle 15:30 abbiamo nuovamente appuntamento con il nostro autista per raggiungere le Po Win Taung che si trovano a circa 25 km da Monywa, località sacra famosa per le “caverne dello sciamano” ben 947 tra piccole e grandi caverne più o meno importanti. Arriviamo ed incomincia a diluviare a dirotto tanto che metto via la macchina fotografica ed incomincio a fotografare con la Go pro.

Giriamo il sito molto grande e dispersivo assieme ad una ragazza che lavora qui come commerciante (ci viene consigliato di fare così dal nostro autista ma ciò viene anche consigliato sulla Lonely Planet).

Il sito a mio parere dovrebbe essere più controllato, ha delle grotte stupende e delle statue e dipinti antichi risalenti tra il 14° e 18° secolo; qui sono presenti anche tantissime scimmie per nulla spaventate dai turisti (a tal proposito vi consiglio di tenere in mano un grande sasso e ben in vista, SOLO in vista non da tirare alle scimmie! … basta solo mostrarlo bene e vedrete che non si avvicineranno).

        

Il giro dura circa una ora, visitiamo giusto quelle più importanti dal punto di vista di bellezza e di cosa contengono; ringraziamo e salutiamo la ragazza che ci ha accompagnato dandole anche un giusto compenso e risaliamo in macchina per tornare a Monywa.

Facciamo un giro veloce per il centro visto che ha smesso di piovere e poi rientriamo in hotel.

La nostra giornata finirà con una deliziosa cenetta presso il ristorante dell’hotel ascoltando musica birmana suonata dal vivo da bravi musicisti e successivamente una passeggiata breve nel bellissimo giardino dell’hotel…. domani destinazione Bagan!

 

[<<tappa precedente]

[tappa successiva>>]

18/01/2017

Autore

sara_inviaggio