India: Varanasi – Sarnath – Varanasi

Giorno: lunedì 22.08.2011

Tappa: n. 16

Percorso: circa 36 km

Santone-Pellegrino a Varanasi, IndiaOggi ci si alza molto presto, alle 4:30 per l’esattezza.

Ieri la guida ci ha detto di non mangiare nulla, faremo colazione quando rientreremo in hotel. Inizialmente non capiamo il perchè la guida si è raccomandata nel non toccare cibo ma, addentrandoci per le vie strette di Varanasi, veniamo assaliti da odori molto forti, nauseabondi, un miscuglio tra escrementi animali, odore di cibo, incenso e cremazioni.

Ci dirigiamo verso il Gange nella zona dei rituali di purificazione, poi verso la parte dove avvengono le cremazioni sempre lungo il sacro fiume; io non me la sono sentita di assistere ad una cremazione, il mio compagno invece sì, così io attendo in un posto vicino assieme a dei bimbi curiosi che si nascondono e ridono quando io mi giro a guardarli.Cremazioni a Varanasi, India

Verso le 8:00 di mattina torniamo in hotel per fare colazione, riposarci e per un po’ di relax. Un bel tuffo in piscina a metà mattinata e siamo ben riposati.

Sadhu in Varanasi, IndiaVerso le 14:00 incontriamo nuovamente la guida e l’autista ed andiamo a visitare Sarnath, situata a circa 10 km da Varanasi, considerato posto importante in quanto è il luogo dove Buddha predicò per la prima volta.

La visita inizia da Dhamek Stupa, 43 metri di altezza per 28 metri di diametro, poi visitiamo un tempio con delle immagini e dipinti di Buddha che sembravano molto recenti e infine andiamo verso il museo storico di Sarnath pieno zeppo di reperti e statue di Buddha.La stupa di Stupa, Sarnath

Qui uno dei reperti più belli è la ruota Dharmacakra, simbolo importante della religione buddhista.

Verso pomeriggio tardi facciamo rientro in hotel e, dopo aver cenato, facciamo un lungo giro a piedi nelle vicinanze.

Pellegrino a Varanasi, IndiaIl nostro tour in India finisce proprio qui a Varanasi, poi da qui raggiungeremo Kathmandu in Nepal, ma questo è un altro viaggio…

Dell’India ricorderò le sue forti contraddizioni, i colori dei sari delle donne e gli odori soprattutto nei mercati… se devo fare un riassunto su cosa mi ha impressionato di più posso dire che il tempio più strano che ho visto è stato il Karni Mata Temple vicino a Bikaner, il tempio dei topi; se invece devo scegliere tra quello che mi ha lasciato più a bocca aperta bè, ne ho più di uno: il Taj Mahal ad Agra, il tempio jainista di Ranakhpur e la vista mozzafiato sulla città antica dal forte Mehrangarth a Jodhpur.

 

[<< tappa precedente]