aCasaMai | Tips, Australia

Lavorare in Australia: se vuoi viaggiare e guadagnare ecco la tua meta!

Lavorare in Australia è il sogno di molti italiani. Ogni anno sono circa 30 mila i giovani (o meno giovani) che partono con l’idea di vivere un’esperienza temporanea di studio e lavoro, o di trasferirsi in maniera definitiva.

 

Sempre in testa alle classifiche per la miglior qualità della vita al mondo, è uno dei continenti più gettonati per lo stile di vita, gli stipendi alti, la sicurezza, il verde pubblico e gli spazi incontaminati, l’efficienza delle infrastrutture e la burocrazia quasi inesistente, oltre che il clima perfetto! Ecco perché lavorare in Australia è un sogno che può diventare realtà.

Working Holiday Visa Australia

L’economia australiana è una delle più attive al mondo – dicono Ilaria Gianfagna e Stefano Riva, che 4 anni fa hanno fondato l’infopoint gratuito e l’agenzia Just Australia specializzata nel trovare il percorso più adatto a chi vuole trasferirsi – trovare lavoro è semplice, soprattutto in città come Melbourne e Sydney. Lavorare in Australia significa vivere un’esperienza unica, in un ambiente multietnico, giovane e dinamico, basato sulla meritocrazia e ottimi stipendi”.

Un meccanico può guadagnare fino a $1.500, mentre un medico $2.000 a settimana. In Australia si ragiona a settimana, sia sul fronte stipendio, che per quanto riguarda l’affitto.

La ristorazione è uno dei settori trainanti dell’economia australiana, soprattutto a Melbourne. Uno chef può prendere $1.200 a settimana, un manager $1.000 e un cameriere $900.
Altro settore interessante per gli italiani che vogliono trasferirsi in Australia, è quello delle costruzioni. Le metropoli australiane sono in piena espansione e ci sono cantieri un po’ ovunque. Quindi per chi ha esperienza nel settore delle costruzioni, è molto facile trovare un lavoro ben retribuito.

“L’Australia non è il paese dei balocchi – continuano Ilaria e Stefano di Just Australia – offre una miriade di opportunità, ma per lavorare in Australia è indispensabile vantare un buon livello d’inglese, una qualifica, un’esperienza nel proprio settore e soprattutto un valido visto”.

Chi ha meno di 31 anni parte con un visto working holiday, della durata di 12 mesi, rinnovabile di altri 12. È adatto ad un’esperienza di vacanza e lavoro. Chi vuole studiare inglese, frequentare un istituto professionale o un’università parte con uno student visa, con permesso di lavoro part time.

“Questi due visti sono l’ideale per vivere un’esperienza temporanea – spiega Just Australia – e sono spesso il trampolino di lancio, per ottenere uno sponsor, ovvero un datore di lavoro che ti offre un contratto, perché interessato alla tua figura professionale o un visto permanente, quando la professione che svolgi rientra nelle liste dei lavori più richiesti. Spesso è difficile districarsi tra i visti e tutte le informazioni da sapere per vivere e lavorare in Australia. Ed è qui che entriamo in gioco noi”.

Just Australia è un infopoint gratuito e un’agenzia in pieno centro a Melbourne, specializzata in prime pratiche da svolgere all’arrivo, oltre che corsi d’inglese, diplomi professionali, percorsi universitari, assicurazioni sanitarie, oltre che immigrazione (grazie alla collaborazione con esperti di immigrazione) e tutto ciò che serve per vivere, studiare e lavorare in Australia.

Anche la nostra autrice Alessia lo consiglia nella sua intervista dell’esperienza fatta in Australia: leggila qui tutta d’un fiato e non esitare a commentare per dubbi o domande!

 

Foto tratte da: www.pexels.com

21/05/2018

Autore

aCasaMai