aCasaMai | Racconti, Viaggio in Birmania | Sara

Undicesimo giorno in Myanmar: arrivo nella città mistica di Bagan

Oggi raggiungeremo la mistica Bagan, quindi ci dirigeremo verso il porto di Pakokku fermandoci anche in un villaggio famoso per la fabbricazione degli incensi; percorso il fiume a bordo di una barca tutta per noi, arriveremo a Bagan dove girando a piedi nelle vicinanze dell’hotel finiremo in una bella festa locale…

 

Oggi raggiungeremo la mistica Bagan e non vediamo l’ora in quanto è una delle città che assolutamente non volevamo tralasciare nell’organizzazione del nostro tour e le aspettative sono molto alte.

Dopo la prima colazione, verso le 8:30, incontriamo il nostro autista e partiamo: dobbiamo raggiungere il molo di Pakokku che dista circa 120 km da Monywa.

Durante il tragitto ci fermiamo in un piccolo villaggio (villaggio Mau) dove localmente è conosciuto per la fabbricazione degli incensi: delle donne sedute per terra, grazie all’aiuto di un piccolo macchinario rudimentale, attorcigliano l’impasto profumato su uno stecco di bamboo; vediamo anche fabbricare oggetti per la casa creati dall’attorcigliamento di foglie di palma.

Come turisti in questo momento ci siamo solo noi; mentre il nostro autista chiacchiera con un uomo del villaggio, osserviamo delle antiche pagode sparse qua e la, non ben tenute… camminando raggiungiamo la scuola del posto dove i bambini dalle classi ci osservano e ci indicano salutandoci tutti sorridenti.

Passeggiamo per il villaggio, ci fermiamo in un piccolo negozietto ad acquistare caramelle, frutta e arachidi.

Finito il giro acquistiamo 15 pacchetti di incensi da distribuire in Italia e la ragazza offre a noi e al nostro autista nonché all’amico dell’autista del the con dei dolci locali… noi mettiamo sul tavolo le caramelle e gli arachidi per condividere assieme a loro.

Ripartiamo alla volta di Pakokku ed una volta arrivati ci tocca salutare il nostro autista che ci ha accompagnato dal primo giorno a Mandalay fino ad oggi.

Anche oggi abbiamo una barca tutta per noi, percorreremo il fiume per circa due ore osservando paesaggi e pagode.
Arriviamo a Bagan dove c’è ad attenderci un simpatico ragazzo con in mano un cartello con i nostri nomi: sarà lui ad accompagnarci in questi giorni alla visita delle bellezze della città e vicinanze.

Come prima cosa subito paghiamo la tassa di entrata alla città di Bagan che valerà per la visita di tutti i templi che vogliamo: 25.000 Kyat (circa €. 17,00) valido 5 giorni da quando viene rilasciato.

Veniamo accompagnati in hotel e ci diamo appuntamento per domani con l’autista alle 8:00, oggi non sono previste visite nel nostro programma; così, dopo il check in e dopo aver messo in camera le valigie, decidiamo di fare un giro nei paraggi. Notiamo fuori dall’hotel che ci sono molti ragazzi con il motorino che prendono tutti una stessa via sterrata nelle vicinanze, in più notiamo in lontananza bancarelle.

Decidiamo di seguire questi motorini e, dopo circa 15 minuti di passeggiata, ci ritroviamo davanti a tantissime bancarelle poste vicino al fiume dove vediamo bambini giocare con l’acqua, una donna farsi il bagno e poco più in la il lavaggio di un motorino; vediamo anche tanta gente radunata davanti ad un “campo di calcio” con il terreno di sabbia costruito alla buona dove ragazzi indossano magliette colorate (e alcuni magliette del Milan e dell’Inter) e formano piccole squadre locali: una sorta di torneo della città diviso probabilmente per scuole o quartieri; in tutto saremo in 3 coppie di turisti e centinaia di persone del posto!

Poco dopo riconosciamo un ragazzo che ci viene incontro: è il ragazzo che ci è venuto a prendere poco prima alla barca, il nostro autista di Bagan… ci sorride e ci dice come abbiamo scoperto la festa e noi gli spieghiamo che semplicemente abbiamo seguito i tantissimi ragazzi con il motorino che passavano nella via fuori l’hotel… si mette a ridere e ci dice che abbiamo fatto bene. Lo salutiamo e ci sediamo sugli spalti per assistere anche noi a qualche partita.

      

Dopo circa un’ora e mezza ci dirigiamo nuovamente verso l’hotel e allunghiamo un po’ la strada per vedere dei negozietti; arriviamo davanti ad una area gioco della festa tutta dedicata ai bambini con giostre, bancarelle di dolci e rimaniamo a bocca aperta di fronte ad una giostra girevole dove le macchine dove mettere i bambini dentro sono assicurate a delle corde (guardate la foto per capire meglio).

    

Torniamo in hotel per una doccia e per telefonare a casa; ceneremo poi in un piccolo ristorante locale non molto distante dall’hotel e poi rientriamo… domani ci aspetta la visita dei templi più importanti di Bagan.

[<<tappa precedente]

[tappa successiva>>]

09/02/2017

Autore

sara_inviaggio